L’eternità in un “sì”: la Sposa in Azzurro

Ammaliati dalla eterea e solenne figura della top model italiana Bianca Balti, scelta come testimonial per gli scatti dello splendido abito in pizzo azzurro targato Alessandro Angelozzi Couture 2015, siamo a proporre una serie di abiti nuziali da favola. Tinte portanti del tema saranno le diverse gradazioni d’azzurro, sino a tocchi di blu, scelte sempre più di frequente dalle giovani spose come favorite per la propria cerimonia nuziale.

url-19

Azzurro come un mare limpido e calmo, o freddo e pungente come il ghiaccio di un iceberg, celeste come un cielo baciato dal sole, turchese come una pietra preziosa, trasparente e sfumato come le acque cristalline e frizzanti di una cascata, indaco come gli occhi dell’amato nella penombra… Sono tutti toni e varianti della nuance per eccellenza del nostro pianeta blu, che sa ispirare sentimenti di serenità e purezza, adatti al contegno elegante e formale di una cerimonia di grande importanza. Quale migliore connubio per celebrare un avvenimento intimo e pubblico al tempo stesso, un matrimonio speciale e perfetto?

I toni dal blu all’azzurro, si adattano a diversi tipi di donna, a carnagioni sia scure che chiare, a tinte di capelli bionde, more o rosse, donando luminosità, ordine e raffinatezza. Ci sarà solo l’imbarazzo della scelta verso il proprio ideale, tra le numerose proposte ed interpretazioni degli stilisti dei migliori atelier d’abiti nuziali. L’importante sta nel prendere una decisione su di un colore che sarà di sicuro successo per voi.

abito-azzurro-a-pieghe

L’abito realizzato dalla rinomata Casa di Moda Italiana di Bellantuono è realizzato con tessuti in seta in un gioco di strati che ricordano i petali della corolla di uno splendido fiore raro. Il meraviglioso top con spalline sottili è impreziosito da un movimento ascendente di ruches delicate e svolazzanti, contenuto da un finissimo pizzo in macramè argento lurex. La parte inferiore si articola in continuità col corpino elaborato con un taglio vita alto, imperiale, aprendosi nei godet in organza satinata che si compongono di tre lunghe balze sovrapposte, in un colore azzurro orientale, appoggiandosi delicatamente per creare un effetto sfumato al sottogonna nel blu imperiale.

url-20

Incantevoli, freschi e originali, sono i modelli proposti dall’atelier di Elisabetta Putignano.  In particolare, la parte superiore è drappeggiata con eleganti pieghe trasversali a partire dal bustino lineare ottenendo l’effetto di un bellissimo gradiente che abbraccia e valorizza la perfetta silhouette della sposa irradiandola nella sua carnagione. Prosegue il gioco di trasparenza sul delicato strascico, scoprendo sul davanti il particolare ricamo fiorito con outline in blu sulla base bianca più sostenuta e svasata.

url-16

Citazioni d’azzurro fondamentali per gli abiti firmati Oscar De La Renta. Romantici e puliti, sono candidi nel bianco pizzo, con scollo a cuore impreziosito dal finissimo merletto. Puntano a un effetto bicolor. La scelta del color celeste acquamarina per l’importante sopra-gonna, composto da sontuose balze in tulle che andranno a celebrare ogni parte dell’abito con effetto scenografico assicurato.

url-18

Accede all’altare una sposa plateale, quasi ottocentesca, che lascerà sicuramente tutti gli invitati, sposo compreso, senza fiato! Ecco un modello decisamente unico e prezioso come quello di Aimèe Montenapoleone. In un fresco, a tocchi glaciale, azzurro adornato dal dipinto floreale che abbellisce tutta la parte superiore dell’abito, a partire dal corpino a cuore, avvitato e sottile, svolgendosi in un vivace e impalpabile panneggio. Un abito che sembra ancora fresco di pittura, appena uscito dal laboratorio di un artista, in una linea stile ‘800, amatissima dalle donne sin dai tempi dell’infanzia, quando si raccontava loro di un principe azzurro e di principesse innamorate. Donne oggi divenute disilluse e di carattere, con quel guizzo bohémien che le rende così uniche e speciali.url-13

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*